SQL e Database

Blog SQL e Database Nicola Iantomasi

Benvenuto sulla mia guida completa al linguaggio SQL. Qui troverai un percorso strutturato per imparare a utilizzare questo potente linguaggio di programmazione che permette di interrogare, aggiornare e gestire i database relazionali. Ecco l’indice delle lezioni con una serie di link agli articoli con contenuti testuali e video di approfondimento.

  • Introduzione al linguaggio SQL

    l’SQL è un linguaggio di programmazione dichiarativo si concentra su cosa il programma deve fare, senza concentrarsi sul come o sull’algoritmo specifico. Capiamo meglio cosa vuol dire linguaggio dichiarativo nella nostra prima lezione sulle query SQL.

  • Istruzioni DQL

    come ricordato anche dalla lettera Q di Query presente nel suo nome, il cuore del linguaggio SQL consiste nelle istruzioni per interrogare i dati presenti in un database relazionale. Nelle prossime lezioni ci concentreremo dunque sulle istruzioni DQL (Data Query Language):

  • Istruzioni DDL

    il linguaggio SQL viene utilizzato anche per creare il database, definendone tutti gli oggetti come le tabelle, le colonne, i vincoli eccetera. Il sottoinsieme di istruzioni per eseguire questo tipo di task è noto come DDL (Data Definition Language). Ecco le lezioni relative:

  • I dialetti dell’SQL

    per quanto l’SQL sia considerabile un linguaggio universale con standard ANSI e ISO, ogni particolare RDBMS ha espanso e in parte rimodulato il linguaggio. Sono nati così quelli che possiamo definire dei dialetti dell’SQL. Tra i più importanti ricordiamo T-SQL (Transact SQL) del database Microsoft SQL Server e PL-SQL (Procedurale Language SQL) del database Oracle. Per quanto la logica sottostante sia la stessa, è importante conoscere le differenze tra un dialetto e l’altro, altrimenti corriamo il rischio di incappare in gravi errori. Ecco tre lezioni a riguardo:

  • Approfondimento NoSQL e DB non relazionali

    in quest’ultima sezione della guida vediamo come scrivere query su un Database non relazionale, utilizzando quindi una sintassi NoSQL. Studieremo in particolare la sintassi di MongoDB, uno tra i database documentali più potenti e diffusi.

Qui in basso trovi un’ulteriore serie di articoli di approfondimento

Torna in alto
Torna su